Isola di Naoshima

Questa settimana abbiamo deciso di allargare decisamente i nostri orizzonti e di volare con le nostre ali di api operaie fino in Giappone! L’Isola di Naoshima nasce come piccolo porto di pescatori nel Mare di Seto e solamente negli ultimi anni si è trasformata in meta piuttosto ambita dagli appassionati di arte contemporanea. Non solo, quest’isola vanta la presenza di edifici pubblici progettati dal famoso architetto giapponese Kazuhiro Ishii, il quale ha fatto sì che a oggi si possa parlare di un’architettura propria del luogo, un’“architettura di Naoshima”.
La Benesse Holdings Inc. e la Fukutake Foundation si sono occupate di renderla (insieme alle altre due piccole isole di Teshima e Inujima) un luogo di interesse, un posto che facesse da cornice alle opere, valorizzandole. Sul suolo di questa isoletta sorgono diverse realtà (museali e non) di stampo contemporaneo, tra cui il Chichu Art Museum (progettato dall’architetto Tadao Ando), un’iniziativa che prende il nome di Art House Project (nata nel 1998 nella cittadina di Honmura, comprende sette case abbandonate trasformate in opere d’arte che raccontano la vita che vi si svolgeva all’interno) e un museo dedicato all’artista giapponese Lee Ufan. La maggior parte del patrimonio artistico si trova però all’interno del Benesse House Museum, sempre aperto al pubblico. Anch’esso progettato dall’architetto Tadao Ando, si divide in quattro parti: Museo, L’Ovale, Parco e Spiaggia. Molte sono le opere all’interno degli spazi espositivi, una ventina invece negli spazi esterni quali le terrazze, il giardino, la spiaggia: ciò porta il visitatore a provare un sentimento di estraniazione, non riuscendo più a individuare il confine tra arte e non. L’opera simbolo è Pumpkin dell’artista giapponese Yayoi Kusama, una gigantesca zucca colorata posta su di un piccolo molo sul mare, quasi un tratto di riconoscimento per chi giunge sull’isola e anche per l’artista stessa, da sempre affascinata da questo ortaggio che ripropone ogni volta in vesti diverse. Anche per questa settimana vi abbiamo fatto viaggiare in giro per il mondo sull’onda dell’arte… Curiosi della prossima meta? Continuate a seguire il ronzio!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

5 × due =

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: