Domaine du Muy

Il nostro viaggio attraverso l’Europa continua e questa volta ci spostiamo al Domaine du Muy, un parco di sculture che si trova in Francia, nei pressi delle famose località turistiche di St-Tropez e Nizza. L’idea dell’apertura nasce nel 2014 dal collezionista Jean – Gabriel Mitterrand e da suo figlio Edward. Un anno dopo, nel 2015, il progetto prende vita ospitando molti lavori di artisti protagonisti dell’arte contemporanea, appartenenti a generazioni, movimenti e scuole diversi. Il territorio su cui sorge questo parco si estende per circa quattro ettari, caratterizzati dalla presenza soprattutto di alberi da sughero e pini, un tipo di vegetazione che dà il suo meglio durante la stagione estiva. Il periodo in cui infatti il parco rimane effettivamente aperto è proprio l’estate.

Schermo di sottrazione di José León Cerrillo

Il Domaine du Muy basa la sua esistenza sul rinnovamento o la continuità dei suoi lavori e progetti, della cui maggior parte si occupano gli artisti residenti quali Claudia Comte e Roman Signer. Le opere presenti sono tutte realizzate tenendo conto principalmente della presenza della natura, essendo per la gran parte site – specific. Tra queste si possono menzionare Schermo di sottrazione di José León Cerrillo, un’opera molto recente (2017) raffigurante un semplice quadrato in acciaio inossidabile verniciato che sembra svolgere la funzione di cornice per la natura circostante; e Immagine ritoccata di Wang Du, in resina.

Immagine ritoccata di Wang Du

Quest’opera del 2015 è forse una delle più curiose all’interno del parco, a causa del soggetto insolito: un elefante che rovescia un’auto. Ciò che la rende particolare è sicuramente il fatto che si trovi immersa nella natura, è una sorpresa per il visitatore che la scova. Grazie a questa particolare caratteristica si nota l’attenzione per il pubblico e per il suo coinvolgimento, che sappiamo essere aspetto fondamentale nel contesto dell’arte contemporanea, da sempre vista invece elitaria e inarrivabile ai più; altra opera significativa è RH 324_10 (Teddy Sculpture w Base) di Peter Regli, un grazioso orsacchiotto reso tramite vari pezzi di marmo bianco adagiati su una base di marmo nero, un’opera che mostra un forte senso di giocosità e infantilismo; infine, degno di menzione è pure un lavoro di Niki de Saint Phalle: Fontana con ragazze, una vera e propria fontana funzionante realizzata tramite poliestere verniciato dai colori sgargianti. Di recente istituzione, il Domaine du Muy si appresta a diventare uno dei parchi più conosciuti in Europa e non solo, specie grazie alla collaborazione con artisti altrettanto in crescita e mano a mano sempre più noti all’interno del panorama artistico contemporaneo.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tre × 3 =

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: